Credenziali d'accesso

Username
Password

Gomito del tennista o epicondilite

Perché rivolgersi ad un osteopata



Che cos’è l’epicondilite?


















L’epicondilite è una tendinite (infiammazione) che si manifesta con dolori talvolta invalidanti a livello della regione laterale del 
Si parla del “gomito del tennista”, in quanto si manifesta spesso in seguito alla pratica intensiva del tennis. 
Si pensa che l’epicondilite sia dovuta ad una serie di microtraumi ripetuti che indeboliscono e/o rompono alcune fibre del tendine estensore radiale breve del carpo :il dolore è il risultato di un tentativo da parte dell’organismo di voler “riparare queste lesioni”.
Quali sono i sintomi? Il classico sintomo è il dolore localizzato nella regione laterale del gomito a livello dell’epicondilo: aumenta con l’attività fisica ,ad esempio il colpo di rovescio nel tennis, ma aumenta anche compiendo degli sforzi di vita quotidiana, e tende a diminuire con il riposo.


















Nei casi di epicondilite cronica, il dolore è presente in maniera costante ed impedisce maggiormente proprio le normali attività della vita quotidiana.
In generale il dolore non si manifesta durante il riposo notturno e comunque non è così intenso da svegliare il soggetto. Talvolta oltre a dolore è presente anche una sensazione di debolezza a livello del braccio nel sollevare pesi anche minimi.
Un buon modo per eliminarlo può essere attraverso il trattamento osteopatico che  consisterà nell''intervenire cercando di ripristinare l''equilibrio dell''articolazione del gomito con tecniche di mobilizzazione articolare sia del radio che dell''ulna, così da allentare le tensioni muscolari e legamentose, senza però trascurare la spalla, il polso e il tratto cervico - dorsale, zone posturali fondamentali nell''equilibrio del paziente.
Inoltre  si dovranno liberare a monte e a valle tutte le strutture vascolo-nervose con tecniche di drenaggio, così da ripristinare il più presto possibile la mobilità articolare e ridurre l''infiammazione. Ad infiammare la zona in questione spesso è il nervo radiale che ha come radice la 7'' vertebra cervicale (in realtà origina dal tronco secondario del plesso brachiale  e ha origine da tutti i nervi spinali del plesso brachiale, ma per semplicità e ai fini del trattamento osteopatico lo facciamo partire da C7) e decorre lungo tutto il braccio innervando tutta la parte estensoria dell''arto superiore .
 









Con semplici tecniche di tensioner (messa in tensione del nervo e osservazione di quanto è estensibile) e slider (tecnica di mobilizzazione del nervo) , andando proprio a lavorare sui nervi, si possono dare degli enormi benefici.
Dall''osteopata  ci si rivolge , generalmente , dopo essere ricorsi  a cure farmacologiche o infiltrazioni di cortisone per accelerare la guarigione o ad altre cure fisioterapeuritiche quali : elettrostimolazioni , laser terapia , tecar terapia o ad onde d''urto.
Tutte cure valide ma a volte sono solo un palliativo e non risolvono completamente la cura in quanto sono localizzate e non risalgono alla causa del dolore.
Dopo uno o più trattamenti osteopatici  (se il terapista lo ritiene necessario ) è consigliata, con l''aiuto di un personal trainer , un percorso di esercizi di allungamento e di rinforzo muscolare del gomito e del polso così da mantenere forte e sicura tutta la struttura attorno alla regione in questione.






Ultimi articoli
`
Perché rivolgersi ad un osteopata
Schede innovative per la preparazione atletica specifica nel tennis
Scarica le app
Sports
Home Chi siamo Partners Sports Contatti Allenati

Gomito del tennista o epicondilite

Perché rivolgersi ad un osteopata
Iscriviti adesso!
E allenati con FFTRAINING!


Che cos’è l’epicondilite?


















L’epicondilite è una tendinite (infiammazione) che si manifesta con dolori talvolta invalidanti a livello della regione laterale del 
Si parla del “gomito del tennista”, in quanto si manifesta spesso in seguito alla pratica intensiva del tennis. 
Si pensa che l’epicondilite sia dovuta ad una serie di microtraumi ripetuti che indeboliscono e/o rompono alcune fibre del tendine estensore radiale breve del carpo :il dolore è il risultato di un tentativo da parte dell’organismo di voler “riparare queste lesioni”.
Quali sono i sintomi? Il classico sintomo è il dolore localizzato nella regione laterale del gomito a livello dell’epicondilo: aumenta con l’attività fisica ,ad esempio il colpo di rovescio nel tennis, ma aumenta anche compiendo degli sforzi di vita quotidiana, e tende a diminuire con il riposo.


















Nei casi di epicondilite cronica, il dolore è presente in maniera costante ed impedisce maggiormente proprio le normali attività della vita quotidiana.
In generale il dolore non si manifesta durante il riposo notturno e comunque non è così intenso da svegliare il soggetto. Talvolta oltre a dolore è presente anche una sensazione di debolezza a livello del braccio nel sollevare pesi anche minimi.
Un buon modo per eliminarlo può essere attraverso il trattamento osteopatico che  consisterà nell''intervenire cercando di ripristinare l''equilibrio dell''articolazione del gomito con tecniche di mobilizzazione articolare sia del radio che dell''ulna, così da allentare le tensioni muscolari e legamentose, senza però trascurare la spalla, il polso e il tratto cervico - dorsale, zone posturali fondamentali nell''equilibrio del paziente.
Inoltre  si dovranno liberare a monte e a valle tutte le strutture vascolo-nervose con tecniche di drenaggio, così da ripristinare il più presto possibile la mobilità articolare e ridurre l''infiammazione. Ad infiammare la zona in questione spesso è il nervo radiale che ha come radice la 7'' vertebra cervicale (in realtà origina dal tronco secondario del plesso brachiale  e ha origine da tutti i nervi spinali del plesso brachiale, ma per semplicità e ai fini del trattamento osteopatico lo facciamo partire da C7) e decorre lungo tutto il braccio innervando tutta la parte estensoria dell''arto superiore .
 









Con semplici tecniche di tensioner (messa in tensione del nervo e osservazione di quanto è estensibile) e slider (tecnica di mobilizzazione del nervo) , andando proprio a lavorare sui nervi, si possono dare degli enormi benefici.
Dall''osteopata  ci si rivolge , generalmente , dopo essere ricorsi  a cure farmacologiche o infiltrazioni di cortisone per accelerare la guarigione o ad altre cure fisioterapeuritiche quali : elettrostimolazioni , laser terapia , tecar terapia o ad onde d''urto.
Tutte cure valide ma a volte sono solo un palliativo e non risolvono completamente la cura in quanto sono localizzate e non risalgono alla causa del dolore.
Dopo uno o più trattamenti osteopatici  (se il terapista lo ritiene necessario ) è consigliata, con l''aiuto di un personal trainer , un percorso di esercizi di allungamento e di rinforzo muscolare del gomito e del polso così da mantenere forte e sicura tutta la struttura attorno alla regione in questione.






Roberto Amerio
(06/03/2016)
Iscriviti adesso!
E allenati con FFTRAINING!

TENNIS con FFTraining

Acquista o esegui una scheda dello store

Formule PERSONALIZZATE

Contattaci per conoscere le nostre formule personalizzate, organizzate in diversi livelli e adatte a tutti gli sportivi. Lasciati seguire dai nostri professionisti e perfeziona la tua preparazione direttamente nelle nostre palestre!